Tutti i prezzi sono compresi di bagaglio in stiva, bagaglio a mano, pasto e web check-in.

PRENOTA ADESSO

DA MILANO

Lampedusa

a partire da

159,99€

DA BOLOGNA

Lampedusa

a partire da

159,99€

DA VERONA

Lampedusa

a partire da

159,99€

GUIDA PER VOLI A LAMPEDUSA

Informazioni

Lampedusa (Lampidusa in siciliano) è un'isola dell'Italia appartenente all'arcipelago delle isole Pelagie, in Sicilia. È la più estesa dell'arcipelago delle Pelagie nel mar Mediterraneo e fa parte della provincia di Agrigento. Amministrativamente forma assieme a Linosa il comune di Lampedusa e Linosa (di cui è la sede municipale), che conta 6.304 abitanti complessivi. Con una superficie di 20,2 km², è la quinta per estensione delle isole siciliane. In antichità il suo nome era Lopadùsa.


Da visitare

La giornata sull’isola di Lampedusa si può passare in tanti, differenti modi. Il must è stare distesi su una delle sue spiagge bianchissime e tuffarsi nel suo mare trasparente, ma gli amanti dello sport possono anche optare per una partita a golf.
Molti pescatori, in estate, si convertono in guide e sono pronti a farvi scoprire piccole insenature irraggiungibili, offrendovi un pasto frugale cullati dalle onde. La natura incontaminata di questi luoghi spinge a esplorare angoli di paradiso, come la spiaggia della Guitgia, la zona di Mare Morto e Cala Madonna. Per non parlare di Cala Croce, che si offre ai turisti con la sua candida sabbia e un mare dalle incredibili variazioni cromatiche, e di Cala Pulcino, deserta, piccola oasi dal mare celeste.


Curiosità

Una leggenda siciliana narra che a Lampedusa naufragò un vascello e che le sole due superstiti furono due donne palermitane, Rosina e Clelia. Lì esse trovarono due eremiti, Guido e Sinibaldo, che rinunciarono alla loro vita di asceti e le sposarono. Sembra questa l’origine della popolazione attuale. In realtà Lampedusa nasconde ben più segrete vicende, presenze singolari quanto enigmatiche. L’Ariosto per esempio vi ambientò il cruento duello fra Cristiani e Saraceni, in cui Orlando prese il suo leggendario cavallo bianco. Così a Lampedusa c’è tuttora la Contrada Cavallo Bianco, c’è l’orma di Orlando e persino la Torre di Orlando, trasformata oggi dal Ministero delle Belle Arti in un museo di prossima apertura. Sulla torre ancora nel 1610 Frate Abela racconta di aver trovato un’iscrizione che indicava il nome del costruttore, Lan Crasso. Nella cultura e nelle tradizioni popolari questo miscuglio di fantasioso e vero, di europeo ed arabo è evidente sia negli usi e costumi, che nei variegati aspetti della vita quotidiana. Cibi, costumi, danze, canti raccontano dell’incontro di diverse culture che qui hanno trovato la maniera di fondersi nella vita marinara.